Vai al contenuto
tuvalumtuvalum
Teide 360, un'esperienza in bicicletta unica

Teide 360, un'esperienza in bicicletta unica

[Embed] https://youtu.be/m17-5uhqcm0[/embed] Immagina una maratona ciclistica di 123 chilometri con ascesa accumulata da 3.000 metri che dà una svolta a 360 gradi verso la montagna e il vulcano più alto nel nostro paese, ad un'altitudine minima di 1.300 metri e raggiungendo livelli di 2.300 metri ... in un unico stadio! Questo è il 360 Teide Challenge, un test per mountain bike organizzato dal 7raid Sports Club dell'isola di Tenerife. A questi ingredienti estremamente attraenti, ora aggiunge un ciclista di 46 anni, Globero Per il suo livello fisico ma con più di 20 anni di percorsi in cima, un ciclista di montagna che non aveva mai affrontato una maratona di questo calibro, e che erano passati quasi 10 anni senza fare una mezza maratona in mountain bike. Bene, questo è esattamente quello che ho fatto: preparati per 4 mesi a partecipare il 29 aprile nel Teide 360. Nonostante le 13 ore, dei 123 chilometri sulle gambe e le lunghe salite fino a un totale di 3000 metri di ascesa, È stata un'esperienza in bicicletta unica. Monte Teide

Preparare il test

Tutto è iniziato con un regalo di Kings. "Tesoro, guarda, la registrazione che ti ha reso così illusione." E uno inizia là fuori, dal sogno di raggiungere una sfida sportiva, a priori e chiaramente, logica e ragione, irraggiungibile. Ma a quel tempo, quando il tuo impegno è già una realtà, inizi a essere consapevole di ciò che affronti e lo stress fa la sua comparsa. Così sono andato dalla mia amica Ale, che è un allenatore sportivo, per aiutarmi a prepararmi. Le routine sono iniziate: 2 giorni di forza, 3 giorni di pedalata, 1 giorno di serie di binari ... e anche le scuse: "Questa settimana mi alleno solo 4 giorni o 3 per questo o per questo, per la famiglia e gli impegni di lavoro che risultano inevitabile ", ecc. Ma anche per la testa, sai: che se sono affaticato oggi, che se non ne ho voglia, se oggi piove. Una battaglia che era solo l'inizio e per tutti l'obiettivo. Fino a quando non raggiungi le ultime settimane, ancora senza gestire i tempi con il cibo e il bere, ancora senza sufficiente senza fondo, ancora senza essere come vorresti essere. E non puoi mai essere. Ora mi capisci. Teide

Il giorno della gara

Sono le 6:30 del mattino e sebbene il test non abbia un grande supporto istituzionale ed è ancora un grande sconosciuto, in questa seconda edizione 650 corridori sono ri -jo. noi. La maggior parte sono Biker Dall'isola di Tenerife, ma anche dal resto delle isole e, mi sembra, alcuni provengono dalla penisola. Il tempo stimato per il primo a finire, 5:30 (che in seguito sarebbe stato le 6:19 per il campione delle Isole Canarie del 2016, Sergio Flores, che ha fatto il test come allenamento). Tempo stimato per le ultime 14:00 ore, che in alcuni casi sarebbero circa 15. L'orografia provoca la maratona di TEIDE 360 a 2.300 metri di altitudine sono raggiunti nell'Osservatorio nazionale di Izaña. In totale, in questi primi 37 chilometri, una salita che rischia una differenza di altitudine di quasi 1.000 metri. Ci sono i primi abbandono prima ancora di affrontare i lunghi e divertenti, ma molto spezzati, discesi al posto di Ramón Caminero, nel comune di La Orotava, che ci mette di nuovo a 1.500 altitudine. [Caption ID = "Allenment_1953" align = "alignNone" width = "900"]Teide360 Crediti di immagine: Esther Álvarez.[/caption] A questo punto hai già raggiunto 50 chilometri di viaggio. Le gambe, ma anche le mani e le braccia, iniziano a risentirsi. E la battaglia inizia con la sua testa: "Nel prossimo provisioning mi ritiro". "Ho fame". "Perché ci entro." "Chi devo mostrare cosa, nessuno." La mia strategia era quella di portare il mio partner e mia figlia, che mi stavano aspettando in ogni punto in cui la terra attraversava l'asfalto, nelle forniture d'acqua e quelle del cibo. Vederli era la motivazione, l'inganno di cui avevo bisogno per far avanzare un altro piccolo. La chiave era anche il consiglio di Ale, lo ricordo in questo momento come un massimo nelle lunghe distanze: "Bevi ogni 10 minuti anche se non hai sete e mangi ogni 20 minuti anche se non hai fame". Da Ramón Caminero e al luogo di Chío, dove avremmo raggiunto 90 chilometri di viaggio, è tempo a 1.750 metri di altitudine e termina a 1.600 prima di affrontare l'ultimo grande pendio ... di Asphalt! Teide panoramico Questa sezione è la più bella e quella che è praticamente fatta da sola. La delegazione di Biker Si è allungato all'infinito e oltre. Finisci per formare un gruppo con coloro che hanno lasciato l'ultima disposizione contemporaneamente e vai allo stesso ritmo. Non più di 5 o 7 del 650. Il resto è in avanti o indietro, ma non li vedi. Ogni pochi chilometri i volontari di diversi gruppi e gruppi di fan 4x4 ci monitorano e trasmettono informazioni alla protezione civile e all'organizzazione. Non mi sono mai sentito più solo e allo stesso tempo più attento e viziato per una sfida. Un'esperienza incredibile punteggiata da una diapositiva di emozioni in cui a volte volevi inviare tutto in merda e a volte cavalcavi euforici sulla bici. La montagna russa di emozioni che quando arrivava a Chío corse dritto con l'ultima grande sfida del test, riprende i 2.200 metri di altitudine in lunghi, noiosi e schiaccianti 17 chilometri di asfalto. È curioso che qualcosa che, un giorno in un allenamento ti sembra poco, quel giorno con 90 chilometri di pietre terrestri e delle gambe diventi un obiettivo quasi insormontabile che la maggior parte di noi ha dovuto affrontare sulla base macinino. [Caption ID = "Allenment_1955" align = "alignNone" width = "900"]Ángel Cabrera Crediti di immagine: Esther Álvarez[/caption] Arrivare a Las Lajas, a Los Altos de Vilaflor, a 107 chilometri di distanza viaggiata fu, senza dubbio, eccitante. Lo aveva fatto (o quasi). Non avevo mai pedalato così tanta distanza, anche se mancavano ancora 15. I primi 10 chilometri in una discesa brutale, bella e pericolosa, in cui sei passato da 2.200 a 1.300 metri di altitudine per, come la glassa, assumendo l'altitudine della città di Vilaflor nell'ultima sezione da burroni, gallerie e un paesaggio magico. A questo punto la testa non era più per le valutazioni estetiche e le gambe si sono rifiutate di spingere la bici nelle pendenze brevi ma dure che ci hanno portato fuori da ogni burrone. Quegli ultimi 5 chilometri erano lunghi, soffriti, duri e allo stesso tempo divertenti, emozionanti, perché ogni corridoio con cui sei inciampato, ciascuno motociclista Che ti hai avanzato o avanzato, avevo alcune parole mentali o che le avevi con lui o lei. La gioia di sapere che eravamo alle porte di superare la sfida è stata notata, masticata, nonostante la forte fatica. E quasi alle 19:30 ho esaminato quel traguardo, hanno messo quella medaglia Finitore E ho respirato in profondità. Lo aveva fatto. E se l'avessi fatto! E ero convinto che non sarebbe stata l'ultima maratona ciclistica, ma, se il destino mi lascia, la prima di molte maratone con dignità con il mio buco Globero Nelle categorie più senior (+40, +50 e, se arrivo, +60). Quindi, per tutto ciò, se vivi a Madrid, Toledo, Barcellona, ​​Siviglia, Lugo ... Per tutto ciò, insistono, devi cavalcare un aereo e venire a sperimentare un 360 teide, perché test come questo Vivranno pochi, in termini di durezza e distanza, nella nostra patria. Siete tutti benvenuti!
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto.

Inizia ad acquistare