Vai al contenuto
tuvalumtuvalum
Percorsi per biciclette: fino al Lagos de Covadonga

Percorsi per biciclette: fino al Lagos de Covadonga

Situato in piccole vette in Europa, Los de Covadonga è uno dei simboli più rappresentativi delle Asturie. Soprattutto quando si tratta di ciclismo e porte di montagna per salire in bicicletta. Si trovano in un ambiente da sogno e con un'ascensione molto dura di 14 km e oltre 1.000 metri di irregolarità accumulata che inizia a Covadonga, il che rende questo aumento di diventare mitico e uno dei referenti del ciclismo internazionale.

Qual è la salita?

L'ascesa al Puerto inizia nel poster di Covadonga, sebbene i 5 chilometri di approssimazione a quel punto siano una falsa pianura a una pendenza del 2%. Dal poster e per un chilometro andremo al 5% di pendio e raggiungeremo la rotonda che ci porta alla strada di Lagos. Lì, iniziano 5 chilometri in ombra nel mezzo di una bellissima foresta con pendii tra il 7% e il 10%. Bikineros Edu a Lagos de Covadonga Passeremo accanto ai canoni da dove vedremo la Basilica di Covadonga circondata da un accattivante ambiente verde boschivo. A poco a poco lasceremo la foresta e troveremo le prime rampe della parte più dura di questa salita chiamata "La Bajera". Ci sono 1,5 chilometri al 12% in media con picchi del 15%. Poco dopo aver superato questa sezione dura prendiamo una curva a destra e da lì osserveremo la sezione molto dura che abbiamo appena scalato. E senza tempo per rilassarci, iniziamo la seconda parte più difficile del tour: una successione di curve a ferro di cavallo che ci porteranno al punto di vista della regina con pendii del 13% e del 14%. Da qui avremo solo 3 chilometri per raggiungere il lago Enol e 4 chilometri per il lago Ercina. Questi chilometri scambiano una sezione leggera con pendii all'8% in cui possiamo goderci (se la nebbia ci lascia) delle migliori viste fino a quando non incoroniamo il porto e appare il grande lago Enol. Laghi Covadonga Dal lago Enol lì scenderemo sulla sua riva. Infine, lasciamo la nostra ascensione nel parcheggio (come di solito ci rivolgiamo alla Spagna) o carichiamo l'ultimo ripetizione e ci piantiamo nell'altro lago, il lago Ercina.

Cosa dovresti considerare prima di caricare

Se hai il coraggio di fare la salita su questo porto, che fa parte della storia del ritorno ciclistico in Spagna, ci sono alcuni dettagli che devi prendere in considerazione.

Traffico: cautela con gli autobus

I chilometri prima di arrivare a Covadonga e iniziare la salita verso i laghi sono segnati da un traffico intenso, specialmente in estate e nei fine settimana, quindi molto attento ad attraversare la strada. In alta stagione la salita è limitata al traffico. In questo momento il caricamento per i turisti è attraverso gli autobus, quindi dovremo stare attenti nelle parti ravvicinate dell'ascesa e prendere molte precauzioni nelle curve quando scendiamo.

Che la nebbia non rovina il tuo paesaggio

Se vuoi che i tuoi sforzi meritino, prova a cercare un giorno per fare del bel tempo, poiché i laghi sono caratterizzati dall'avere una grande parte dell'anno. Sarebbe un peccato arrivarci e non poter godere di quel meraviglioso paesaggio.

Los Lagos de Covadonga e il tour in Spagna

Dal 1983 Marino Lejarreta ha alzato le braccia per la prima volta fino allo scorso anno (2018), tibaut Pinot tra la nebbia, 21 volte è stato in grado di godere dei laghi come fine del ritorno. Ed è che in tutti questi anni è stato raggiunto che questo aumento è diventato una delle strade già mitiche del ciclismo internazionale. Sebbene sembra che rimanga al secondo posto a causa dell'apparizione di Colossi con pendii impossibili come Angliru, la verità è che l'ascesa ai laghi non delude mai e rimane una fase finale che fa differenze.

50 chilometri con visita a Don Pelayo

Una semplice opzione di percorso per fare questa salita potrebbe essere quella di lasciare il ponte romano di Cangas de Onís (dove c'è una replica della croce di La Victoria, un emblema araldico del principato delle Asturie) e andare a Covadonga su una strada che fa non prurito per più del 2%. Da lì possiamo affrontare la salita ai laghi. Alla discesa puoi smettere di scattare alcune foto nel punto di vista della regina o quello dei canoni (per la postura e quelle cose) e poi fermarti a Covadonga (nome che proviene dalla COVA Dominica latina, che significa la caverna della Nostra Signora) Per visitare la Cueva de la Santina. Questa santa grotta di Covadonga, patrona delle Asturie, è un luogo emblematico di Asturie e Spagna, dove iniziò la riconquista. Bikineros a Los Lagos de Covadonga Possiamo visitare la statua di Pelayo e della Basilica, e da lì tornare a Cangas de Onís. Con questo percorso avremo circa 50 chilometri e 1.200 metri di pendenza accumulata. All'arrivo a Cangas de Onís è possibile per la giornata con un pasto a casa Pedro, o avvicinarti al ristorante Puente Dobra e poi andare all'Hoya de San Vicente per darci un tuffo. Una giornata round!

Valutazione del porto

Il Lagos de Covadonga è l'ascesa più bella che Asturias ha insieme ai coperti. [IRP Post = "3437" Name = "percorsi per bicicletta: la salita al porto di La Cubilla in Astuias"] È un'ascensione che con gli sviluppi che sono attualmente utilizzati è incontabile, ma con quel punto di difficoltà che lo renderà epico e con una ricompensa del paesaggio in tutto il percorso. E soprattutto, quando raggiungi la cima e incontri il Cuvadonga Llagos, difficilmente dimenticherai questo giorno.
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto.

Inizia ad acquistare