Bottiglia

Abbina il testo con un'immagine per concentrarsi sul prodotto, la raccolta o il post scelti. Aggiungi dettagli sulla disponibilità, lo stile o persino la revisione.

Filtro e ordine 0 prodotti
Ordina per:

Sicurezza e garanzie su ogni bicicletta

Non vendiamo nulla, ogni bicicletta venduta viene attentamente rivista

da meccanici esperti. E ti diamo anche garanzia di 12 mesi.

Saperne di più

Perché scegliere una bici da bottiglia?

Botchia è un nome apprezzato nel mondo delle biciclette, famoso per la sua tradizione artigianale italiana, competenza tecnica e design. Queste biciclette offrono una miscela ottimale di funzionalità ed estetica. I suoi dipinti durevoli e ben progettati garantiscono alte prestazioni, mentre i loro disegni estetici riflettono l'attenzione sui dettagli del marchio e sull'impegno per l'eleganza.

Inoltre, Botchcchia offre una vasta gamma di prodotti per soddisfare le diverse esigenze di ciclismo. Dalle biciclette stradali alle biciclette di montagna, alle biciclette di città e alle biciclette elettriche, ogni modello di bottoni è progettato da e per i ciclisti.

Botchhia, un secolo di artigianato ciclistico italiano

Botchia iniziò il suo viaggio nel 1924, creazione di Ottavio Bottecchia, il primo vincitore italiano del Tour de France. Nato dalla comprensione di un campione di ciò che una bicicletta deve esibirsi, il marchio è diventato rapidamente sinonimo di qualità, prestazioni e spirito del ciclismo italiano. Nel corso degli anni, Botecchia ha costantemente risposto alle esigenze di un'industria a rapida evoluzione, mantenendo una presenza dinamica nel mondo del ciclismo.

La reputazione del marchio è cresciuta ancora di più dal 1966, quando le sue biciclette furono i protagonisti di importanti vittorie come la svolta italiana nel 1966 con Gianni Motta, che sconfisse Anquetil, o la vittoria del Campionato mondiale di Rudi Altig. Anche l'indimenticabile svolta del 1979 con Saronni che strappa la maglia rosa a Moser; E il Tour de France nel 1989, quando Greg Lemond vinse una delle edizioni più eccitanti della prestigiosa carriera francese. Più recentemente, la vittoria nel 2010 di Stefano Garzelli nella sedicesima fase del Giro, che ha anche vinto la vittoria nella tirro-adriatica dello stesso anno.

Ogni bici di bici continua l'eredità del marchio per combinare il meglio del design italiano con progressi tecnologici per soddisfare le esigenze dei ciclisti contemporanei. Al giorno d'oggi, Bottechchia è ancora in prima linea nel mondo del ciclismo, stabilendo nuovi referenti di qualità, prestazioni e design.

I modelli più eccezionali di Botchcchia

Stai cercando una bici da strada leggera, a un buon prezzo? Scegli la bottiglia EMME4.

Preferisci una mountain bike a doppia sospensione per il paese? Scegli la bottiglia di Gardera.

Se al contrario, sei uno di quelli a cui piace ancora spremere le marce e le rotte di BTT con un rigido, ti consigliamo di Aquila Rossa Stirchia.

Vantaggi dell'acquisto di una bicicletta botchy ricondizionata

L'acquisto di una bicicletta ricondizionata è un'opzione eccellente fondamentalmente per tre motivi:

Il primo è il risparmio economico. L'acquisto di una seconda bicicletta a mano ricondizionata a Tuvalum si ottiene un risparmio tra il 20% e fino al 60% rispetto al suo nuovo prezzo.

Il secondo motivo è la certificazione meccanica. Puoi acquistare una seconda bici da bottiglia da un individuo, ma la maggior parte dei siti Web e delle app di prodotti usati non offrono alcuna garanzia sullo stato degli articoli che vendono e devi fidarti che uno sconosciuto non ti vende una bicicletta con danno . A Tuvalum tutte le biciclette sono riviste e ricondizionate dal nostro team meccanico con garanzia meccanica di 1 anno e con garanzia di riacquisto di 18 mesi. Inoltre, i nostri meccanici assicurano che ogni bicicletta ricondizionata soddisfi gli stessi requisiti tecnici e l'approvazione che l'Unione europea richiede nuove biciclette.

Un altro peso di peso per l'acquisto di una bicicletta botchy ricondizionata è il suo impatto sostenibile. Essendo una bicicletta che è già stata prodotta, salvi l'impronta ambientale che genererebbe una nuova bicicletta. Sapevi che la produzione di una bicicletta genera un'impronta di carbonio di 300 chili di CO2?